0825 876121 (h24) | servizioclienti@loconte.org |

Il Blog di Farine Magiche | Tutti maghi in cucina

Il “Danubio” con la magia della nostra Farina Manitoba


Da anni tra le alternative alla “celebre” Farina 00, indicata però da molti esperti come quella meno ricca di sostanze utili al nostro organismo, viene indicata quella Manitoba, di tipo 1. Questa classificazione comprende anche altre due farine (quella di tipo 2 e quella integrale) e proviene dalla percentuale di estrazione del grano rispetto all’intero chicco che rende le farine stesse più o meno raffinate. Ma perché la Farina tipo 1 viene ritenuta la più completa? Essendo “ad alto tasso di estrazione” (viene prelevata anche la parte esterna al chicco) fornisce un maggiore apporto nutritivo grazie alla presenza di ferro, calcio e vitamine. Inoltre, questa farina è ricca di fibre che rendono masticabili più lentamente i derivati. Questo aspetto solitamente aiuta a limitare i consumi e, conseguentemente, a perdere peso. “Le Farine Magiche”, grazie al know how del Gruppo Lo Conte, ha ideato una linea di Farina 1 con un prodotto dedicato alla preparazione dei dolci e un altro a quella dei salati. Ci soffermeremo su quest’ultima approfondendone la composizione: all’interno del rivoluzionario pack in film richiudibile che permette una durabilità superiore rispetto ai competitors, oltre alla Farina 1 (con fibre e germe di grano), è presente il 20% di Pasta Madre… quel tocco magico che permette alle nostre creature di diventare uniche! I risultati sono sorprendenti e vogliamo mostrarveli utilizzandola per la preparazione di una delle più classiche delle brioche rustiche legata alla tradizione culinaria napoletana: Il “Danubio” con la magia della nostra Farina Manitoba.

manitoba salati
Ingredienti (per 30 pezzi) – Per l’impasto 550 g di Farina Manitoba per Salati “Le Farine Magiche” 230 ml di latte fresco 50 ml di olio di oliva 30 g di zucchero 10 g di sale 4 g di lievito in polvere (o 15 g di lievito fresco) 1 uovo – Per il ripieno 100 g di prosciutto cotto (da tagliare a cubetti) 50 g di salame (da tagliare a cubetti) 50 g di formaggio filato (da tagliare a cubetti) – Per spennellare 1 uovo latte q.b.
Tempo di preparazione: circa 4 ore e mezza.
Procedimento Prima di iniziare la preparazione vera e propria della brioche bisogna compiere alcune operazioni preliminari. Innanzitutto, versate in una ciotola latte e lievito: con il movimento di un cucchiaio fate sciogliere quest’ultimo. Successivamente setacciate la farina in un’altra ciotola aggiungendo sale e zucchero. Non sottovalutate questa fase: se volete rendere il vostro rustico più soffice, è importante setacciare la farina per fare in modo che incorpori ossigeno per migliorare la lievitazione. A questo punto, aggiungete un uovo (precedentemente sbattuto) e il latte nella ciotola con la farina setacciata. Aggiungete l’olio per dare maggiore morbidezza e mescolate il tutto fin quando la farina non assorbirà tutti i liquidi. Ora inizia una delle fasi più divertenti!

danubio

Portate l’impasto su una superficie piatta (preferibilmente su un piano in legno come in foto) e impastate con le mani fin quando lo stesso non raggiunga una consistenza omogenea dandogli una forma sferica. Come mai bisogna dare una forma sferica all’impasto? Semplice: è il modo in cui riesce a crescere meglio. Avete mai visto un impasto di un pizzaiolo di forma diversa da quella di una sfera? Sicuramente no! E’ il momento di lasciar riposare l’impasto in una ciotola (ricoperta da pellicola trasparente) per circa due ore o almeno fin quando non avrà raddoppiato il suo volume. Un consiglio per ottimizzare il tempo è quello di tagliare a cubetti prosciutto, salame e formaggio mischiandoli. Quando l’impasto avrà riposato abbastanza, portatelo fuori dalla ciotola ponendolo sul ripiano di lavoro: tagliatelo in 30 pezzetti di misura uguale e stendete ognuno di essi con un mattarello facendoli diventare dei “dischetti”. Farciteli con i cubetti di salumi e formaggi e chiudeteli formando una pallina. Ponete ogni pallina in una teglia dal diametro di 28 cm, foderata da carta forno, disponendole a raggiera. Una volta terminata l’operazione, fate riposare il tutto per un’ora.

Testo di Antonino Vigilante


CONDIVIDI:

LASCIA UN COMMENTO